L’opera murale di XEL in Piazza Macario

“Il piccolo sognatore”, l’intervento di XEL nella Piazza Macario di fronte al teatro, è prodotto in collaborazione e con il patrocinio del Museo d’Arte Urbana.

Il MAU, diretto dal ’95 da Edoardo di Mauro, è una della realtà storiche dell’arte pubblica torinese, che conta su una collezione di 150 opere permanenti nel Borgo Vecchio del quartiere Campidoglio. Con “Il piccolo sognatore” di XEL, il MAU arriva a Nichelino con un’opera che esprime la capacità della rappresentazione teatrale di scatenare l’immaginazione dei suoi spettatori. XEL ha già collaborato con il MAU in numerosi progetti e nella decorazione artistica delle tre torrette di Piazza Risorgimento e il Mu.Fant – MuseoLab del Fantastico e della Fantascienza di Torino. L’artista nasce nella periferia urbana di Torino, in quella Settimo che qualche decennio fa era il dormitorio della città ed ora si è riscattata grazie alla cultura, che ha generato nei residenti un maggior rispetto per la qualità della vita.

I primi anni della carriera artistica di XEL sono da graffitista clandestino, con molti interventi writing di aree urbane dismesse. Nel corso degli anni lo stile di XEL, senza rinnegare per nulla lo spirito delle origini, ha saputo evolversi nella elaborazione di un impianto visivo altamente connotante. Tratte del lettering e dalla grafica, le opere di XEL, sia quelle di street art con interventi in strada perlopiù di sticker art e poster art, arte pubblica sia i suoi dipinti su tela, denunciano in realtà il disagio giovanile e l’alienazione metropolitana. Ha partecipato alla Biennale di Venezia, Padiglione Italia di Torino come esponente street, ha svolto mostre personali in Italia e all’estero, Ginevra, Bologna, Torino, può annoverare prestigiose collaborazioni con la  Rai, come testimonial della street art torinese nell’ambito del progetto Street Art Stories promosso dal Prix Italia.

L’intervento per il Teatro Superga è stato realizzato nel caratteristico stile di XEL: la magia del teatro prende vita grazie all’immagine di un piccolo sognatore che disegna sul muro rondini che rappresentano il cambiamento, l’inizio di una nuova stagione. Con colori brillanti, l’edificio si trasforma in una scatola magica con le pareti decorate al tratto.

www.museoarteurbana.it | www.xel-artist.it

Likes(6)(0)
2.4.2016